Shantala, il massaggio neonatale

Creato: Giovedì, 07 Aprile 2011

massaggio_neonato_benessere

Lo Shantala è un antichissimo massaggio indiano per neonati che le madri praticano quotidianamente ai propri figli. Conosciamolo meglio.

 

Lo Shantala ha un’antica tradizione che proviene dal Sud dell’India. Esercitata prima nei monasteri e in seguito tramandata da madre a figlia durante la gravidanza, in modo da prolungare l’intimo rapporto madre-figlio anche dopo il parto. Il nome stesso infatti deriva da una donna indiana, Shantala appunto, che aveva l'abitudine di massaggiare i suoi bambini. Il massaggio ai bambini anche in India, si chiama come diremo noi: “massaggio dei bimbi” da cui: “Balabhyangam”.

Si tratta di una delicatissima forma di massaggio caratterizzato da manualità centripete ovvero che sviluppano dalle zone distali dei vari distretti verso l’esterno in quanto il bambino nei primi mesi non ha sviluppata una corretta percezione dei confini del proprio corpicino.

Lo scopo del massaggio è quello di ricreare le condizioni di agio che il bambino provava all’interno del grembo materno. I bambini fino dalla nascita, subiscono un forte trauma abbandonando l’atmosfera ovattata e protetta del grembo per ritrovarsi nello sconosciuto mondo reale.
Può quindi essere considerato un’integrazione naturale che permette al bambino di superare il trauma del parto. Se invece questo massaggio viene utilizzato a scopi terapeutici, può alleviare o risolvere anche i problemi più comuni dei bambini.


Indicazioni generali sul Massaggio

Lo Shantala va eseguito preferibilmente al mattino presto o all’ora del tramonto, essendo i momenti della giornata di maggiore tranquillità, al riparo dai rumori esterni. Bisogna fare attenzione che il bambino non abbia mangiato e che sia quindi a stomaco vuoto,quindi, non deve essere praticato dopo l’allattamento.
Favorito e consigliato è l’olio di senape, che dona la sensazione di calore quando fuori è freddo. Quando le temperature sono alte si preferisce invece l’olio di cocco, che rinfresca ed aiuta a disperdere l’eccessivo calore del corpo.
L’olio leggermente tiepido deve essere strofinato sui palmi delle mani che per tanto  devono essere ben aderenti alla cute.

shantala_massaggioIl bimbo va adagiato sulle gambe del genitore, il quale è seduto comodamente su un tappeto o un cuscino. Bisogna far attenzione all’ambiente dove si svolgerà il massaggio verificare che non ci siano correnti d’aria in quanto il bambino dovrà essere nudo.
Il neonato non deve mai provare una sensazione di freddo quindi se necessario riscaldare l’ambiente.
In un secondo momento è possibile posizionare il bambino, sempre sulle gambe, supino, ma con lo sguardo nella stessa direzione della madre, così da privilegiare altri punti e zone di contatto: il viso, la testa, le spalle, le braccia, le mani, il petto.
Il massaggio della schiena è d’importanza fondamentale: una colonna vertebrale forte e sana consentirà al bambino una buona crescita, poiché è nella colonna vertebrale che passano i nervi del sistema simpatico, responsabili del funzionamento di tutti gli organi. Il massaggio alla schiena va fatto con molta cura e attenzione, affinché si stimoli la circolazione sanguigna che rinforza e stimola lo sviluppo della colonna vertebrale.
Durante il massaggio non necessariamente dovete parlare con le parole anzi il silenzio aiuta la concentrazione. E allora imparate a comunicare in altro modo. Parlate al piccolo con gli occhi, con le mani. Coccolatelo con tutto il vostro amore.

Effetti del massaggio sul neonato

Riequilibrio energetico-emozionale
Miglioramento della circolazione sanguigna e linfatica
Idratazione cutanea e bonificazione muscolare
Stitichezza o diarrea
Coliche gassose
Insonnia e nervosismo
Superamento di traumi affettivi

 

Valentina Grassitelli

Visite: 16839

Aggiungi commento