Fiori di Bach per bambini e neonati

Creato: Martedì, 10 Maggio 2011

fiori_bach_bambini_neonati

Le malattie infantili sono legate quasi sempre alla situazione psichica del bambino, questi vive le emozioni in modo molto intenso e reagisce ai conflitti con i genitori, con le sorelle e fratelli, con sentimenti forti come ad esempio la paura e la collera. L'uso dei fiori sui bambini è particolarmente benefico in quanto sciolgono e armonizzano precocemente situazioni potenzialmente conflittuali permettendo così una crescita più serena e preparando il bambino ad una crescita meno problematica.



I Fiori di Bach, quindi, sono particolarmente indicati per i bambini, perché non danno effetti collaterali, non creano dipendenza, non si può andare in iperdosaggio.
Anzi può ben dirsi che i bambini sono i migliori fruitori dei Fiori di Bach perché non hanno preconcetti e reagiscono in maniera veloce e duratura.

Fiori di Bach e disturbi

I Fiori di Bach sono indicati soprattutto per questi problemi:

- bambini iperattivi
- bambini con difficoltà di apprendimento
- bambini adottati
- bambini stranieri con problemi di adattamento
- bambini maltrattati
- bambini ipersensibili
- bambini eccessivamente attaccati ai genitori
- bambini violenti e aggressivi

Preparazione e dosaggi per bambini e neonati

Normalmente per i bambini il dosaggio dei rimedi con i fiori di Bach è uguale a quello per gli adulti, tuttavia per i neonati ed i bambini molto piccoli occorre adattare le preparazioni alle necessità del momento.

Nel caso di disturbi acuti si versano due gocce del singolo rimedio in un bicchiere d'acqua e se ne somministra al bambino un sorso ad intervalli regolari che variano da un quarto d'ora per i casi più urgenti a mezz'ora.

Se si tratta di bambini piccoli è possibile mettere le gocce nel biberon o con acqua o con altre bevande gradite, basta che non siano calde perché il calore interferisce o annulla le vibrazioni dei fiori.

Se si tratta di neonati è possibile immergere la punta del succhiotto in un pochino d'acqua bollita (sterilizzata) alla quale si saranno aggiunte due gocce del fiore scelto.

Per i disturbi cronici si deve preparare una boccetta da medicinale sterile ed in essa andranno acqua minerale povera di sali e due gocce di ciascuno dei rimedi scelti (dai flaconi originali).
La preparazione dura 4 o 5 giorni e poi va rifatta in quanto priva di conservante (brandy).

I fiori per i disturbi non acuti vanno assunti quattro volte al giorno nella dose di quattro gocce e l'orario migliore sarebbe al mattino a digiuno, prima dei due pasti principali e prima di coricarsi.

Fiori e sintomi

Eccovi alcuni esempi di fiori tra i più noti e i sintomi che ne richiedono l'utilizzo:

- Aspen: per la paura di restare soli, di dormire al buio, dell"uomo nero".
- Centaury: per l’eccessiva sensibilità agli elogi e ai rimproveri.
- Cerato: quando a scuola continuano a correggere il lavoro che hanno fatto, anche se è giusto, perchè hanno poca fiducia in sé stessi.
- Cherry Plum: in caso di scoppi d'ira incontrollati.
- Clematis: per coloro che a scuola sono distratti e sognano ad occhi aperti.
- Holly: per aiutare in casi di gelosia e rabbia per la nascita del fratellino.
- Impatients: per i bambini che non riescono a rimanere seduti.
- Larch: quando a scuola si sentono inadeguati.
- Mimulus: per coloro che si aggrappano paurosamente alla madre.
- Vervain: per i bambini iperattivi, difficili da mandare a letto la sera.
- Vine: per i bambini aggressivi che picchiano i loro compagni.
- Rescue Remedy: per i traumi improvvisi, come pronto soccorso fisico e psicologico.

 

 

Valentina Grassitelli

Visite: 18484

Aggiungi commento